il cannobino

Sara Lepre

Conosciamo più da vicino le persone che vivono nel nostro territorio.

Ci racconti qualcosa di lei.
Mi chiamo Sara, ho 21 anni e da due anni studio a Torino come estetista. Diventare un'operatrice del benessere è un sogno che ho da quando ero alle medie, precisamente dalla 2ª media. Ho questa passione grazie alla vicinanza con cugine di mio padre che vivono in Campania e che purtroppo vedo molto poco. É stata in particolare una di loro a farmi rendere conto quanto fosse bello e immenso questo mondo e finalmente, ora, ne potró fare parte anche io. Ora come ora la mia competenza nel campo é ridotta essendo solo all'inizio del 2º anno ma sono certa che diventerò una delle migliori nel campo, almeno questo è il mio obbiettivo.
Vivere in città é molto bello, maturi in fretta e soprattutto impari a gestirti meglio oltre che a crescere tanto. Ho capito una cosa molto importante: imparare a organizzarsi la vita da soli é molto difficile soprattutto per le finanze economiche, ma è anche molto appagante...

Il sogno nel cassetto?
Di sogni ne ho tanti, quello che peró in questo momento mi preme maggiormente è solo uno: fare carriera e arrivare agli apici del settore, Il resto puó aspettare, almeno per ora.

Il tempo libero come lo occupa?
Amo ballare Il latino americano, amo la musica latina e ascoltarla mi rilassa molto. Adoro viaggiare e andare in palestra. Mi piace molto prendermi cura di me stessa e coccolarmi, d'altro canto, voglio fare un mestiere dove la cura di se stessi é l'essenza principale. Adoro stare con la mia famiglia, con il mio ragazzo e con gli amici.

Sempre in movimento, mai un attimo ferma?
Quando non esco guardo la tv: mi piacciono i film d'azione, i polizieschi ma anche i cartoni animati della disney che per me rimarranno sempre i migliori anche se di 20-30 anni fa.

Per concludere: il suo piatto preferito?
Il saper cucinare non e' mai stato e penso che non sara' il mio forte nonostante sia una mangiona e nonostante mamma e nonna cucinino molto bene. A parte questo, amo la lasagna, la parmigiana e la pasta fatta in casa da entrambi i nonni.

Pubblicato da editore il in interviste intervista

commenti

Gli articoli del blog possono essere commentati dagli utenti iscritti a disqus, facebook, twitter e google+
Top