Controllo lavori a Cannobio

Storie incredibili

Ho controllato personalmente e costantemente i lavori in centro a Cannobio.
Sembrava ci fosse sempre una folla di curiosi, invece erano solo gli stessi 5 o 6 pensionati che facevano avanti e indietro perchè loro devono andare ai servizi con molta frequenza.
Mi è piaciuto molto il lavoro di squadra degli operai: un manovale con la pala e uno sul pacherino. Sfido io che ci vogliono quattro mesi per cento metri di strada.
Ho apprezzato lo scavare, il metter giù tubi e ricoprire. E poi un’altra ditta che riscavava, metteva altri tubi e riricopriva, e poi un’altra che ririscavava, metteva altri tubi e ririricopriva.
Speriamo che a febbraio, finiti i rilavori, non venga in mente a qualche nuova azienda di telefoni o energia elettrica di sotterrare qualche altro tubo o cavo.
La nota positiva è stata la capomastro Elenarosa che il 15 ottobre ha fatto visita al cantiere (la foto la ritrae durante i lavori di quest’estate 2018 durante i lavori di ristrutturazione dello stabilimento della Fonte Carlina).
Ha anche detto che Cannobio le piace, ed ha aggiunto che ritornerà a farsi un bagno nel lago quando farà caldo (non certo nel cimento invernale di febbraio), ma solo se saranno esposte tutte le bandiere blu, arancioni, gialle, rosa pallido, verde, rosso antico e grigio 50 sfumature.
Il lago è importante, l’acqua è importante! Noi siamo fatti il 70% di acqua (qualcuno 50% di acqua e 20% di barbera).
A proposito di acqua: ma a voi dal rubinetto viene fuori acqua limpida o torbida? Provate a confrontarla con un’acqua naturale di bottiglia.


Questa è un’opera di fantasia. Nomi, personaggi, istituzioni, luoghi ed episodi sono frutto dell’immaginazione dell’autore e non sono da considerarsi reali. Qualsiasi somiglianza con fatti, scenari, organizzazioni o persone, viventi o defunte, veri o immaginari è del tutto casuale.


il detective

Pin It on Pinterest

ilcannobino

GRATIS
VIEW