Comuni del Lago Maggiore

A Cannobio, presso palazzo Carmine, è stato convocato il primo consiglio dell’Unione dei Comuni del lago Maggiore.
Nei vari consigli comunali erano già stati indicati i componenti di maggioranza, scelta caduta sui nominativi dei vari sindaci tranne che per Ghiffa.
Il sindaco Matteo Lanini ha delegato il consigliere Fabio Fortina. Gli altri componenti sono: Gianmaria Minazzi (Cannobio) eletto quale presidente dell’Unione, Federico Carmine (Cannero-Riviera) vicepresidente, Alessio Ferrari (Oggebbio) Renato Agostinelli (Trarego-Viggiona) e Luigi Milani (Valle Cannobina) gli assessori.
Oltre a Fortina, fa parte del consiglio anche il consigliere Walter Costantini, sindaco di Gurro.
Mancava l’elezione di un rappresentante di minoranza che per statuto deve scaturire dal voto di tutte le minoranze presenti nei comuni dell’Unione.
Il voto ha sancito l’elezione del cannobiese Massimo Costanza.
E’ stata espressa preoccupazione per la mancanza di personale necessario a far funzionare l’ente anche in virtù del pensionamento del direttore-dirigente, Mauro Branca. Lo stesso Branca ha però dato la propria disponibilità garantendo la sua presenza ed il suo impegno, totalmente gratuito (ovviamente non più a tempo pieno), per dare continuità al lavoro fin qui svolto.
Due le figure amministrative che presteranno operatività presso l’Unione dei Comuni, entrambe in pianta stabile nel comune di Cannobio: trattasi del ragioniere capo Maurizio Julita e dell’impiegata Mariangela Zarini. Oltre alle normali ore lavorative comunali, si sono impegnati a fare ore extra, retribuite a parte.
Attraverso l’approvazione del DUP (Documento Unico di Programmazione) 2020-2022, il consiglio ha ribadito le linee basilari delle modalità dell’Unione che sono: la gestione dei servizi associati: scuole, servizi sociali e sanitari, trasporti, protezione civile, rifiuti, polizia municipale, urbanistica; la gestione associata delle “funzioni montane” quali la difesa del suolo, le politiche ambientali, agricole e forestali; la tutela e la valorizzazione delle zone montane con il turismo e le attività commerciali, lo sport, la cultura, la cooperazione trasfrontaliera.
L’Unione dei Comuni del lago Maggiore è stata costituita dalla divisione della comunità montana del Verbano aggregando i comuni della precedente comunità montana valle Cannobina. Ha una superficie di 18.728 ettari sulla quale vi abitano 10.442 persone.
Valerio Bergamaschi

Pin It on Pinterest

ilcannobino

GRATIS
VIEW